Home

Racconti

Poesie a verso libero

Poesie in metrica

Haiku - katauta - sedoka- senryu - tanka - baishu

Poesie in metrica keiryu

Concerning Tolkien

I miei e book

Pagine speciali: articoli, poesie e recensioni ed eventi

Poesie dedicate al Carnevale

Poesie dedicate al Natale e all'Inverno

Delle rose e di altri inverni”, la mia rubrica poetica per Il segnalibro (ArgoLibro casa editrice)

Link
Poesie e racconti di Eufemia
Addio, mia Regina
Affidandosi al vento e al cieco rumore del nulla
Appunti di viaggio
A te, che vivi nei miei ricordi
Buonanotte Camilla
Cora
Echi di luce
Fiori di sakura
Fotografie
Il giardino d'ortensie
Il mio paese
Il piccolo principe
Il soldato della neve
I misteri di Torquay
Immagini
Immagini color pastello
Ius primae noctis
La stanza di Ulisse
La bambina del fuoco
La scatola di seta
Lettera su mio padre
Lettere dal passato
Nefertiti
Nell'alba di Malqata
Nel silenzio della Rocca, a Lucrezia Borgia
Piccolo Lupo, racconto vincitore La libreria di Mendrisio Luglio 2005
Prima che cadano le ultime foglie
Questa notte chiuderò gli occhi
Quoi? L'éternité
This is the day, racconto sulle immagini di Sandro Foti in arte Kalosf
Ultimi fiori d'Autunno - a mio padre
Una storia d'autunno...tra due città
Madeleine
 

E’ una magia ciò che rimane…Un ricordo del tempo che va…

The Blind Guardian
“Frutto del buio”
 
*
 
Parigi, Dicembre  1774

 

Passi di notte che rompono il silenzio di morte. Nicole giace sul dorso, i lunghi capelli a coprirle il volto, mentre un rivolo di sangue sgorga dalla sue  labbra, sulla quale è visibile ancora un’ ombra dell’ultimo peccato.

Giovane fanciulla che mai più accarezzerà la speranza e la dolcezza di un amore puro, sognato durante le fredde notti, in un immondo giaciglio che ha accolto il suo corpo, venduto a scellerati amanti per pochi soldi.

Madeleine è vicino a lei, le accarezza i lunghi capelli che le coprono il volto  e prendendole la mano priva di vita, le dona un’ultima carezza. Poi coprendole il viso  con un lenzuolo del colore della morte, le sussurra addio.

Madeleine infila il mantello, cala il cappuccio sul capo, e mentre la neve scende, si inoltra per le vie di Parigi, mentre la sua anima divelta dal dolore, domanda oblio e silenzio.

 

Schiava di una vita che ha dovuto scegliere suo malgrado, perché a Parigi, o scegli di vivere o di morire, quando non hai null’altro che un corpo da vendere; e Madeleine ha scelto di vivere.

Vaga Madeleine, senza meta, mentre le orme dei suoi piedi lasciano tracce sulla neve, che accoglie il peso di un corpo venduto ai piaceri della notte. Sgualdrina nel corpo, fanciulla senza macchia nel cuore, la più desiderata e la più bella prostituta di Parigi, ora è solo una donna che piange e trema dalla rabbia.

Nicole, la piccola Nicole, se ne è andata, uccisa da un uomo senza scrupolo che le ha rubato la giovinezza ed i sogni, consegnandola alla condanna delle tenebre eterne. La speranza si dissolve, mescolandosi alla purezza dei fiocchi di neve che in quella fredda notte d’ inverno, cancellano le lacrime dal volto di Madeleine.

 

Un nuovo giorno, uguale a mille giorni.

Giovani fanciulle vendono corpi ed anime, mostrando i loro nudi corpi sulle soglie del bordello più famoso di Parigi. “Sole pochi soldi, Monsieur!”, sussurra con  flebile voce Madeleine, i neri capelli che ricadono sul pallido volto, bagnato dai cristalli di neve che anche quella notte scivolano dal cielo.

Un uomo le prende la mano, porgendole il vile denaro e poi le dona un bacio sul palmo, un gesto inusuale a cui lei non è abituata; lui la segue nel suo giaciglio incantato dall’acre odore della sua pelle e dalla carne diafana che ora possederà come un dio tiranno.

Un altro peccato si aggiunge ai mille già commessi, senza riscatto alcuno in una vita che ha la parvenza di morte. Madeleine svende l’anima ed il cuore, mentre il corpo, povero involucro che dona piacere ad amanti improvvisati, attende una morte che non viene.

 

Lui è tornato. La guarda ancora con desiderio e la porta via dall’inferno.

Madeleine non capisce cosa stia accadendo, ma si lascia condurre dal calore della sua bella mano, oltre quel baratro che avvolge la sua vita.

Nessuno la vede andare via, in quella notte senza luce che cela peccaminosi  desideri di uomini senza scrupoli che comprano per pochi soldi, la carne di sfortunate creature.

Lui è diverso, e lei lo percepisce nitidamente.

Per un attimo Madeleine ha l’impressione che la mano di quell’uomo emani un calore speciale e sconosciuto. Ha un tocco gentile ed umano e non la prepotenza di coloro che come animali divorano ogni notte la sua giovane carne, come lupi famelici abituati a rovistare sugli scampoli di vita e a banchettare tra le cosce di fanciulle senza nome.

Salgono le scale di un antico palazzo, illuminato dalla luce della luna. Una porta si apre e rivela una stanza che reca tracce di arte e profumo di lavanda.

Lui le toglie il  mantello e abbassandole il cappuccio che le nasconde il volto, le dona una carezza sulle bella bocca; poi le scoglie i nastri che chiudono il vestito che ricade ai suoi piedi, lasciandole scoperto il seno che lui afferra tra le mani, portandolo alla sua bocca di giovane amante.

Madeleine si lascia condurre in quel gioco d’amore e per la prima volta avverte che qualcosa di straordinario sta accadendo nella sua vita. Si sente totalmente donna e non la sgualdrina di un sordido bordello. Ella si stende sul letto coperto da bianche lenzuola ancora umide, ove vicino giacciono in disordine, appoggiati su un cavalletto, numerosi pennelli e poco distante una tela che ora reclama l’anima della giovane donna.

Ella voluttuosamente si lascia andare mentre lui  le dona un bacio sulla bocca, sfiorando con le dita il suo ventre già pronto ad accoglierlo.

Poi afferrando un pennello disegna immagini che solo i suoi occhi e la sua immaginazione, possono vedere e sedendosi  su uno sgabello,  inizia ad immortalare quel giovane corpo di donna, su una tela che racchiuderà per sempre lo spirito di Madeleine.

E così ogni notte, si ripete l’arcano rito, mentre l’arte suprema cattura frammenti di vita e di anima di una giovane fanciulla.
 

Parigi, Febbraio 1775

 

 

Sono passati due mesi. Il bordello è solo un ricordo di una vita lontana, che ha lasciato tracce indelebili sul corpo e sullo spirito di Madeleine. Ogni notte gli incubi la rincorrono e le lacerano l’anima, offuscando lo scorrere dei giorni d’amore che sono finalmente arrivati.

Madeleine ha conosciuto un sentimento che era celato in fondo al cuore, e solo sognato,   mentre lui l’ama di un amore puro e sensuale, toccando la sua candida pelle che ora freme al tocco delle sue dita che risalgono i declivi di un corpo che assapora la dolcezza delle impudiche carni.

Madeleine carezza con l’umida lingua il corpo dell’uomo, schiava di un amore che ancor conosce di quella notte, i primi barlumi di una passione amorosa, che contraddistingue le  indomite voluttà d’una giovane amante.

Una fioca luce entra dalle imposte socchiuse di una finestra, ed illumina il corpo di un  uomo e di una donna  che giacciono riversi e sazi di desideri, mentre la tela che ha catturato la parte più nobile  dell’anima di Madeleine, attende un’ultima pennellata che non verrà mai data.

 

Madeleine, nel silenzio della notte, dona  un ultimo bacio all’unico uomo che abbia mai amato e  condannandosi  ad un eterno oblio, senza ritorno, indossa  il mantello, celando il  volto  dietro  all’ampio cappuccio, mentre lascia scivolare le lacrime che le rigano il volto. Un ultimo sguardo all’uomo che giace addormentato e poi corre via.

 

*

Tracce di sangue sulla neve ed il volto senza luce di una giovane fanciulla, coperta da lunghi capelli sui quali i cristalli di ghiaccio  donano grazia ed un ultimo tocco di effimera bellezza.

Due guardie voltano  il corpo oramai senza vita e trovano sotto l’ampio vestito una lama di coltello che lacera il ventre, divelto da ferite mortali, come a volere cancellare le immonde tracce di dolorosi ricordi di quei giorni lontani, che nemmeno l’amore di un uomo hanno saputo estinguere.

Un altro giorno va ad iniziare, mentre tutte le speranza muoiono, negli occhi chiusi per sempre di una fanciulla, sepolta dal peso dei rimorsi e di un amore non vissuto, pallida ombra solo accarezzata, e sfumata per sempre, nel freddo di una  Parigi, in un giorno d’inverno.
 

Gelido dardo
di niveo candore, è,
quel che trafigge

d'un amante il cuore
con tirannico peso.

Gelido fato
quello della sua morte
sì, nel comprender

di quel sacrificio
l'imperituro dono.


La poesia finale è di Fabrizio Corselli, che ringrazio per il gentile omaggio

HomeRaccontiPoesie a verso liberoPoesie in metricaHaiku - katauta - sedoka- senryu - tanka - baishuPoesie in metrica keiryuConcerning TolkienI miei e bookPagine speciali: articoli, poesie e recensioni ed eventiPoesie dedicate al CarnevalePoesie dedicate al Natale e all'InvernoDelle rose e di altri inverni”, la mia rubrica poetica per Il segnalibro (ArgoLibro casa editrice)Link