Home

Racconti

Poesie a verso libero

Poesie in metrica

Haiku - katauta - sedoka- senryu - tanka - baishu

Poesie in metrica keiryu

Concerning Tolkien

I miei e book

Pagine speciali: articoli, poesie e recensioni ed eventi

Poesie dedicate al Carnevale

Poesie dedicate al Natale e all'Inverno

Delle rose e di altri inverni”, la mia rubrica poetica per Il segnalibro (ArgoLibro casa editrice)

Link
Poesie e racconti di Eufemia
Addio, mia Regina
Affidandosi al vento e al cieco rumore del nulla
Appunti di viaggio
A te, che vivi nei miei ricordi
Buonanotte Camilla
Cora
Echi di luce
Fiori di sakura
Fotografie
Il giardino d'ortensie
Il mio paese
Il piccolo principe
Il soldato della neve
I misteri di Torquay
Immagini
Immagini color pastello
Ius primae noctis
La stanza di Ulisse
La bambina del fuoco
La scatola di seta
Lettera su mio padre
Lettere dal passato
Madeleine
Nell'alba di Malqata
Nel silenzio della Rocca, a Lucrezia Borgia
Piccolo Lupo, racconto vincitore La libreria di Mendrisio Luglio 2005
Prima che cadano le ultime foglie
Questa notte chiuderò gli occhi
Quoi? L'éternité
This is the day, racconto sulle immagini di Sandro Foti in arte Kalosf
Ultimi fiori d'Autunno - a mio padre
Una storia d'autunno...tra due città
Nefertiti


Perché non so più vivere

in questo mondo sbiadito

che un tempo m’appartenne “

 

Raggi di sole del giorno che va nascendo, proiettano lacere ombre sulla Terra d’Egitto, che m’accolse tra le sue braccia di luce.

Depongo lo scettro e la corona, che a me furono assegnati  nell’alba del mondo. Un brandello di quello che si chiama felicità a me fu affidato dagli dei generosi, che amarono la giovane Ncferet-Ity, donandole eterea bellezza e giorni tinti d’amore.

Una donna  venerata come  un dio e forse ancora più di una divinità; una donna che ora è  fragile come una foglia dispersa nel caldo  Khamsin.

Orme sulla sabbia, in un assolato meriggio, disegnano sulle dune, eteree tracce dei miei passi.

Non so più vivere in questo mondo sbiadito ed affido i cocci di un’esistenza gloriosa a colui che come padre, mi ha cullato eternamente tra i riverberi della sua luce.

“Oh Aton, accogli questa tua Figlia  ed illuminami il cuore ammantato di ombre notturne: posa il tuo sguardo su questa bella terra e dissipa le tenebre del mondo, che come sciacalli di notte, divorano gli ultimi frammenti di vita!

Trafiggimi  con i raggi obliqui affinché io ritrovi la via che a te mi conduce, e passando oltre le rocce di Hat Nub, ritornerò là ove il viaggio ebbe inizio, e come in quell’alba di Malqata, sarò di nuovo la sposa di Akenaton, ed egli come allora, mi vedrà giungere da lontano, rapito dalla mia vera bellezza”.

 

 

Giorno sesto, del mese di Famenant

  

Nefertiti, Regina D'Egitto

 

 

 Fine del racconto

Post scriptum

I documenti ufficiali della storiografia, non hanno mai dato una risposta certa sulla morte di Nefertiti e vengono quindi avvalorate diverse ipotesi; in questo racconto ho immaginato, così come avviene nel bellissimo libro di R. Zacco, dedicato a Nefertiti, “Le braccia del sole”, che la Regina egizia, ponesse fine ai suoi giorni, suicidandosi tra le dune del deserto.

Piccolo glossario

Akhenaton: Figlio di Amenhotep III e di Tyi, questo sovrano è passato alla storia come il faraone eretico per il tentativo di sostituire, in conflitto con il potente clero tebano, il dio Amon con una nuova divinità, il dio Aton nel ruolo di divinità protettrice della regalità, che venerò insieme alla sua sposa, Nefertiti.

Mese di Famenant, corrisponde al mese di Dicembre

Khamsin: Il khamsin è un vento caldo, opprimente e polveroso, che soffia da sud o sudest in Nord Africa, particolarmente in Egitto, sulle coste del Mediterraneo orientale e nella Penisola Arabica. Il khamsin non è un monsone, non soffia cioè più o meno costante per lunghi periodi di tempo, ma si attiva a intermittenza, nel periodo compreso tra il tardo inverno e l'inizio dell'estate, ma più frequentemente tra aprile e la prima metà di giugno.

E'un vento essenzialmente da sud sull'Egitto, soffiando dal deserto del Sahara, mentre proviene in prevalenza da est (o sudest) sul deserto del Negev (Israele meridionale) e parte dell'Arabia Saudita. Il termine si applica anche ai venti forti da sud o da sudovest che spirano sul Mar Rosso.

Come lo scirocco, il khamsin soffia in genere davanti a una depressione che si muove verso est o nordest nel Mare Mediterraneo o attraverso il Nord Africa, con alta pressione più a est. Il nome deriva dall'arabo khamsun o hamsin, che significa cinquanta. Questo è infatti il numero approssimato di giorni durante i quali esso soffia (fonte www.meteogiornale.it)

Malqata è un luogo situato nella zona desertica al sud del Médinet Habou, sulla riva occidentale del Nilo, di fronte a Luxor. In questo luogo fu costruito il palazzo di Amenhotep III

Ncferet-Ity :la lettura esatta di Nefertiti è Ncferet-Ity, "la bella è arrivata". Questa "bella" è la dea lontana che, dopo aver lasciato il Sole creatore, è partita per il deserto della Nubia. Senza di lei le Due Terre sono condannate alla sterilità e alla desolazione. Grazie all'intervento degli dei, in particolare di Thot e di Shu, la dea lontana ritornerà in Egitto, e la natura e tutti gli esseri viventi conosceranno di nuovo la felicità (fonte http://www.aton-ra.com)

Nefertiti è una delle più note regine della storia egizia. Cambiò, come il marito, il suo nome in Neferneferuaton per onorare Aton.

Regnò a fianco del marito Akhenaton la XVIII dinastia, nel cosiddetto periodo Amarniano.


HomeRaccontiPoesie a verso liberoPoesie in metricaHaiku - katauta - sedoka- senryu - tanka - baishuPoesie in metrica keiryuConcerning TolkienI miei e bookPagine speciali: articoli, poesie e recensioni ed eventiPoesie dedicate al CarnevalePoesie dedicate al Natale e all'InvernoDelle rose e di altri inverni”, la mia rubrica poetica per Il segnalibro (ArgoLibro casa editrice)Link