Home

Racconti

Poesie a verso libero

Poesie in metrica

Haiku - katauta - sedoka- senryu - tanka - baishu

Poesie in metrica keiryu

Concerning Tolkien

I miei e book

Pagine speciali: articoli, poesie e recensioni ed eventi

Poesie dedicate al Carnevale

Poesie dedicate al Natale e all'Inverno

Delle rose e di altri inverni”, la mia rubrica poetica per Il segnalibro (ArgoLibro casa editrice)

Link
Poesie e racconti di Eufemia
A mio figlio
Dedicato alle donne
Driadi
Era ieri?
Festa del papà
Fiore perfetto
Invisibili mondi - a mio figlio
I segnalibri di Occhi di Argo sui quali scrivo anche io
I segnalibri di Occhi di Argo 2017
La dama del Lago
La mia recensione alla fotografa IRENE LEO
La mostra dedicata a DRACULA con le mie poesie
Poesie d'amore sul sito www.partecipiamo.it
1982 di Lucia Griffo
Ricordando Palermo, viaggio attraverso lo sguardo di una turista, di Eufemia Griffo
Pagina della PRIMAVERA su WORD TAG
Primavera su Partecipiamo.it
Recensione a "Curandoti tra i cicli" silloge poetica di Francesco Sicilia
Romeo and Julieth di Eufemia Griffo
Romeo and Julieth di Fabrizio Corselli
Tanabata Matsuri
Un'anima in bianco e nero, di Fabrizio Corselli
L'arte che ha significato
Petali del passato aprile 2012 - Senz'anni né nome, ai partigiani
Recensione a Davide Benincasa
Recensione a "La scatola dei ricordi" a cura di Massimo Baldi
Recensione al mio libro "La scatola dei ricordi" a cura di Susanna Varese
L'alba degli dei omaggio ad Agropoli, poesia tra le vincitrici del concorso Keramos
La cerimonia del tè o Cha no yu
Keramos, l'articolo di giornale in cui si parla di me
Lady Hawke - breve recensione al film
Brocéliande, l'antica foresta
Henry Hasting e Il segreto, di Charlotte Brontë : le mie recensioni per Occhi di Argo
Menzione d'onore per me da parte della The Brontë Society i inglese
Le storie di Topo Tobia - Recensione al libro di Susanna Varese

“Allora perché crescendo gli uomini combinano tanti guai?” si domanda desolato Tobia.

Partendo da questa affermazione del protagonista di “Le storie di Topo Tobia”,  potremmo in sintesi palesare il messaggio di fondo, o uno dei tanti racchiusi in questo piccolo ed allo stesso tempo, grande scrigno fatto di parole, immagini, personaggi,  nato dalla penna e dalla fantasia di Susanna Varese, insegnante e scrittrice di La Spezia: attraverso l’amore dei bambini, anche gli adulti possono “crescere” e ritrovare quel “fanciullino” nascosto nei meandri del loro io più nascosto, rovistando tanto in fondo, alla ricerca di se stessi, dei sogni e della ambizioni positive.

Dice infatti Tempest, amico di Tobia (cit. pag. 53 “Si ritorna a scuola”):

“Non tutti gli umani sono cattivi, a volte sono accecati dall’ambizione, dall’avidità e dal potere, così perdono di vista i veri valori. I bambini potrebbero aiutarli a ritrovarli, non vi pare?”.

Credo che il nucleo centrale di questo bellissimo libro, dedicato ai bambini, ma pensato soprattutto per un pubblico adulto, sia insito in questo passaggio della storia “Si ritorna a scuola”.

Gli animali vivono avventure simili agli umani e attraverso la voce della maestra Civetta,  di Tobia e dei suoi amici, si dispiega un mondo in cui piccole storie diventano il trait d’union col mondo degli umani, il quale - in una sorta di parallelismo-  non può che guadagnarci.

Concetti come l’integrazione ed il rispetto, sentimenti quali amore ed amicizia, trovano la loro cornice ideale tra le pagine del libro di Susanna Varese. Il mondo degli umani è avido, scaltro e molto difficilmente le persone si accontentano di ciò che hanno e contemporaneamente desiderano possedere sempre di più. Toccherà a Tobia, con la sua  saggezza,  trovare le parole adatte per tutti e spiegare le azioni degli umani, così diverse e quasi inconcepibili per il popolo che vive all’ombra di un frondoso platano.

Tobia si trasforma in una sorta di “filosofo”,  e benché leader indiscusso del suo gruppo,  non diventa mai distante, poiché egli nella sua infinita tenerezza, si rivela essere semplice e concreto.

I bambini amano le storie scritte bene, con linguaggio diretto e senza fronzoli, perché le parole diventano per loro veicolo di emozioni e vissuti; lo dico partendo dalla mia personale esperienza di insegnante della scuola dell’infanzia e di mamma.

Leggendo  ed ascoltando le storie di Tobia, si ha l’impressione che il mondo diventi meno “cattivo”, che alcuni aspetti negativi e cinici, riescano ad essere rivisti e riconsiderati in un’ottica privilegiata e  che le barriere vengano abbattute, finanche la diversità diventi il motivo per integrarsi.

Nel mondo dei bambini questo è certamente più facile, ma partendo da loro, si crea una sorta di ponte di passaggio tra la tenerezza dell’infanzia ed il  complesso mondo degli adulti.

La lettura di questo libro piace dunque ai bambini e agli adulti, e va dato merito a Susanna Varese, di avere creato un mondo parallelo a quello della parola, attraverso gli splendidi disegni a corredo del volume, e dei video che sono cliccatissimi sui canali come youtube.

Topo Tobia ha un seguito:  infatti proseguono le lezioni serali della maestra civetta.

Non ci resta dunque che immergerci nella lettura del secondo volume dal titolo “ Le nuove storie di Topo Tobia”, edito da pochissimi mesi, sempre per la casa editrice Edizione Eracle.

Infine, un elogio grandissimo a Susanna, non solo per la bellezza insita nelle storie da Lei raccontate, ma anche perché il ricavato delle vendite della scrittrice, viene completamente devoluto alla fattoria biologica didattica di Carpanedo alla Spezia, “luogo incantato, dove si fondono armoniosamente natura, bambini e animali”.

 

Eufemia Griffo

 

 


HomeRaccontiPoesie a verso liberoPoesie in metricaHaiku - katauta - sedoka- senryu - tanka - baishuPoesie in metrica keiryuConcerning TolkienI miei e bookPagine speciali: articoli, poesie e recensioni ed eventiPoesie dedicate al CarnevalePoesie dedicate al Natale e all'InvernoDelle rose e di altri inverni”, la mia rubrica poetica per Il segnalibro (ArgoLibro casa editrice)Link