Home

Racconti

Poesie a verso libero

Poesie in metrica

Haiku - katauta - sedoka- senryu - tanka - baishu

Poesie in metrica keiryu

Concerning Tolkien

I miei e book

Pagine speciali: articoli, poesie e recensioni ed eventi

Poesie dedicate al Carnevale

Poesie dedicate al Natale e all'Inverno

Delle rose e di altri inverni”, la mia rubrica poetica per Il segnalibro (ArgoLibro casa editrice)

Link
Poesie e racconti di Eufemia
A mio figlio
Dedicato alle donne
Driadi
Era ieri?
Festa del papà
Fiore perfetto
Invisibili mondi - a mio figlio
I segnalibri di Occhi di Argo sui quali scrivo anche io
I segnalibri di Occhi di Argo 2017
La dama del Lago
La mia recensione alla fotografa IRENE LEO
La mostra dedicata a DRACULA con le mie poesie
Poesie d'amore sul sito www.partecipiamo.it
1982 di Lucia Griffo
Ricordando Palermo, viaggio attraverso lo sguardo di una turista, di Eufemia Griffo
Pagina della PRIMAVERA su WORD TAG
Primavera su Partecipiamo.it
Recensione a "Curandoti tra i cicli" silloge poetica di Francesco Sicilia
Romeo and Julieth di Eufemia Griffo
Romeo and Julieth di Fabrizio Corselli
Tanabata Matsuri
Un'anima in bianco e nero, di Fabrizio Corselli
L'arte che ha significato
Petali del passato aprile 2012 - Senz'anni né nome, ai partigiani
Recensione a Davide Benincasa
Recensione al mio libro "La scatola dei ricordi" a cura di Susanna Varese
L'alba degli dei omaggio ad Agropoli, poesia tra le vincitrici del concorso Keramos
La cerimonia del tè o Cha no yu
Keramos, l'articolo di giornale in cui si parla di me
Lady Hawke - breve recensione al film
Brocéliande, l'antica foresta
Henry Hasting e Il segreto, di Charlotte Brontë : le mie recensioni per Occhi di Argo
Menzione d'onore per me da parte della The Brontë Society i inglese
Le storie di Topo Tobia - Recensione al libro di Susanna Varese
Recensione a "La scatola dei ricordi" a cura di Massimo Baldi
“La scatola dei ricordi” è un libro che contiene splendidi racconti di rara bellezza, momenti di grande raffinatezza letteraria, situazioni diversissime tra loro capaci di suscitare profondissime emozioni che arrivano dritte al cuore, lo ricompongono, lo lacerano, lo turbano, lo consolano. La scrittrice Eufemia Griffo prende per mano il lettore e lo accompagna fino a farlo entrare nella psicologia dei personaggi, facendo intravedere il loro sentire, facendo toccare con mano i sentimenti provati da ciascuno di essi con una maestria ed una capacità narrativa che ho raramente riscontrato in uno scrittore. Nel primo racconto, ad esempio, ” Addio ultima rosa”, viene superbamente descritto il conflitto interiore della regina Maria Antonietta di Francia, in attimi che sembrano lunghissimi, insopportabili, capaci di annientare l’anima prima che il corpo; e proprio questo penso che la Griffo voglia suggerirci: la morte peggiore è l’annullamento della personalità, l’obnubilare l’animo e infamarlo senza possibilità di difesa, a quel punto la morte, lo staccarsi tra animo e corpo rimane solo un semplice dettaglio, anzi la più grande liberazione. Una Regina già condannata in un processo-farsa, in cui le vittime diventano spietati carnefici.
Nel racconto “La stanza di Ulisse” la scrittrice sembra ricordare all’uomo che la solitudine alle volte nasconde saggezze insperate ed immense che sono simili a scrigni pieni di preziosi tesori, dove il silenzio vale più di mille parole, dove i racconti di Ulisse sono la cartina di tornasole dei bambini che andavano in cerca di continuo, anche da grandi, di quella capanna magica, catartica.
Negli altri racconti la scrittrice sembra quasi scendere nella psiche del protagonista, diventandone una sol voce: in questo senso la lettera di Virginia Woolf prima della sua morte è di una bellezza straripante, ci sono momenti di grande sofferenza, di tristezza, di nostalgia e di ricerca delle forme del passato che sembrano quasi svanire per sempre. Le sensazioni emotive della protagonista, il riverbero della luce, il canto del vento tra i rami, l’estate che sta per terminare, sono i germogli su cui una vita nasce ma non muore mai, semplicemente si trasforma in numerose, infinite, differenti e meravigliose altre vite.
I miei complimenti sinceri e meritatissimi alla scrittrice Eufemia Griffo con l’augurio che a questo stupendo libro, di cui vivamente consiglio la lettura, ne seguiranno tantissimi altri di cotanta delicata e struggente bellezza.

Libro edito da Lulupress, 172 pagine, a copertina morbida

E' possibile leggere la recensione anche sul sito di Massimo Baldi qua

HomeRaccontiPoesie a verso liberoPoesie in metricaHaiku - katauta - sedoka- senryu - tanka - baishuPoesie in metrica keiryuConcerning TolkienI miei e bookPagine speciali: articoli, poesie e recensioni ed eventiPoesie dedicate al CarnevalePoesie dedicate al Natale e all'InvernoDelle rose e di altri inverni”, la mia rubrica poetica per Il segnalibro (ArgoLibro casa editrice)Link